Dulcis in fundo…è proprio il caso di dirlo, siamo arrivati al dessert di questo tour de force gastronomico :). Vi propongo un dolce; un dolce povero della tradizione popolare messicana scoperto nel ristorante dove lavoro, il Saliscendi a Pisa, dove potrete gustarlo insieme ad altri ottimi piatti messicani. Semplice, con pochissimi ingredienti ma delizioso, io l’ho accompagnato con una crema di zabaione al latte, potete anche accompagnarlo con il cioccolato (fantastico!!), il suo sapore abbastanza neutro vi permette di abbinargli anche sapori più decisi, come il cioccolato appunto…Occhio però, perchè una fetta tira l’altra ;).

Cosa occorre:

  • 1,1 kg grano cotto (quello che si usa per la pastiera)
  • 4 uova
  • 400 gr zucchero a velo
  • 160 gr burro

Per lo zabaione

  • 3 tuorli
  • 100ml di latte
  • 1/2 bacello di vaniglia
  • 1 scorza d’arancia
  • 100 gr di zucchero
  • 1 cucchiaino di porto

Come procedere:

Nel mixer, usando la lama, mettete il grano e fate andare, aggiungete poi le uova, lo zucchero e infine il burro fuso lasciato intiepidire. Versate l’impasto in una teglia dai bordi alti, meglio se col fondo estraibile, ben imburrata e infarinata con un cucchiaio abbondante di farina. Fate cuocere in forno gia caldo a circa 180° per una 30 ina di minuti, quando la superfice sarà bella dorata la torta di grano è pronta!

Per lo zabaione:

Fate bolliere il latte con la vaniglia e una scorza di arancia e lasciatelo raffreddare. Sbattete 3 tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, ora togliete la vaniglia e la scorza d’arancia e aggiungete il latte sempre sbattendo e un goccio di porto (o un altro vino liquoroso…ma proprio un cucchiaino); ora mettete il vostro recipiente a bagno maria e continuate a sbattere, sino ad ottenere una crema, potete servire calda o fredda…a vostra scelta, con questo freddo però…vedete voi insomma 😉

Buon appetito

 

 

 

 

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

Inserisci un commento