Mi sa che in questi giorni mi butterò sul pesce, ho fatto overdose di carne in quest’inverno, in generale come tutti gli inverni, alla fine mi viene più spontaneo cucinare la carne che il pesce nei mesi freddi, sarà che associo il pesce al mare e il mare all’estate…mah! Comunque ieri non ho resistito a comprare un paio di gamberoni per un piatto di pasta veloce,  che dico veloce, velocissimo!

Cosa occorre:

Per 4 persone

  • 10 gamberoni o code di gamberi
  • 15 (circa) pomodorini ciliegia
  • 350 gr di pennette
  • 1/2 bicchierino di marsala
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio evo q.b
  • sale q.b
  • peperoncino (se vi va)

Come procedere:

Prendiamo i nostri gamberoni, staccate le testa dalla coda e mettetele da parte, togliete il carapace (il guscio) del gamberone io ho lasciato l’ultimo pezzettino (quello della coda) perchè mi piaceva esteticamente e poi cosi si può mangiare con le mani, so che non rispetta le regole del bon ton a tavola ma è cosi bello ogni tanto sgarrare ;); incidete la parte esterna della coda con un coltello ben affilato e tirate via delicatamente il filo intestinale; tagliate in 4 i pomodorini ciliegia o semplicemente a metà (regolatevi con la grandezza). Mettete a scaldare l’acqua per la pasta, scaldate dell’olio e i 2 spicchi d’aglio in una padella capiente insieme alle teste, schiacciatele per bene e sfumate col marsala, ora aggiungete i pomodorini e lasciate andare per neanche dieci minuti salate e aggiungete le code dei gamberi fate andare altri 3 minuti spegnete e coprite. Quando state per scolare riaccendete la padella coi gamberi versateci un mestolo dell’acqua della pasta che col suo amido ci aiuterà a legare ancora meglio il condimento, scolate la pasta un minuto prima che sia al dente e fatela saltare 2 o 3 minuti, una bella manciata di prezzemolo appena tritato… et voilà. Tempo di preparazione 20″ (altro che cotto e mangiato ;)). Accompagnate con un buon vermentino.

Buon appetito

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

Inserisci un commento