…Voglia di riposo, voglia di staccare, voglia di dormire, voglia di sole, voglia di mare,voglia di estate, voglia di caldo, voglia di chiudere gli occhi, voglia di ubriacarmi di vita…voglia di capire perchè le persone entrano e escono dalla tua vita senza che tu possa farci nulla, senza che tu possa neanche chiederle di restare o semplicemente dirgli ciao, non so nella vostra, ma nella mia c’è un viavai continuo da un po’ oramai. Lo so sembrano discorsi sconnessi e forse un po’ lo sono ma sono le 2 di notte e sono appena tornato dalla mia solita passeggiata chilometrica post lavoro, quella che ti serve a far entrare aria nei polmoni e nel cervello, a scaricare l’adrenalina del lavoro, a non pensare a nulla almeno per una mezz’ora… o almeno, convincersi di non farlo :P.

Ah ecco voglia di fragole…..

 

 

Continua a leggere

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

 

Alti e bassi nell’umore, sarà il tempo? Un giorno quasi nevica, il giorno dopo ci sono 20° e l’altro ancora piove, sono un po’ metereopatico in effetti e questo clima mette a dura prova i miei nervi; magari influisce anche il fatto, a volte, di sentirsi un po’ soli in una città e una nazione nuove e cosi diverse dalla tua, il lavoro ti prende totalmente, cerchi di studiare la lingua (ma chi ne ha voglia)…Poi però un raggio di sole, in quel giorno tra i due di pioggia, ti ricorda che è meglio sorridere e stringere i denti per un progetto in cui credi, assaporando tutto quello che ti passa vicino, amaro o dolce che sia (poi, magari, scopri che il contrasto ci sta pure bene ;)), ed essere felice di quello che stai vivendo…Perchè si sa, sorridi che la vita ti sorride e se non lo fa, tu falle il solletico ;).

Continua a leggere

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

Fine settimana intenso…tanto lavoro ma tanto!!! E una 2 notti, venerdì e sabato, da ricordare (almeno fosse :)), avete presente il risveglio nel film “una notte da leoni”? Ecco, pressapoco cosi… Scherzi a parte, Monaco mi sta avvolgendo a 360° tra lavoro e novità, spesso non ho tempo per scrivere, quello per cucinare devo dire invece propio non mi manca…e dato che questa notte (è l’ una circa) ho una voglia incredibile di dolce ma non ne ho..una panna cotta che tende un pò alla mousse non guasterebbe di certo :D…

Continua a leggere

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

Dopo 5 giorni di GRIGIORE, finalmente splende un po’ di sole, non vedo l’ora arrivi la primavera, con i suoi colori e i suoi sapori, sono stanco dell’inverno; poi quest’anno devo dire che di freddo ne ho visto, passare da Cagliari a Monaco di Baviera è stato uno sbalzo di temperatura (e non solo :P) notevole….Ecco perchè vi metto questa ricettina, semplice semplice ma di sicuro effetto… giusto per iniziare a sentire l’odore, ancora in lontananza purtroppo, dell’estate, sufficiente però a fare venire l’acquolina in bocca…

 

Cosa occorre:

Per 4 persone

  • 12 fette di spada non troppo spesse
  • 3 zucchine
  • aglio q.b
  • menta q.b
  • origano fresco q.b
  • 100 gr insalata lollo o riccia
  • 1 radicchio trevisano
  • 1 mazzetto di rucola
  • olio extra vergine q.b
  • sale e pepe q.b

 

Come procedere:

Dunque dunque, iniziamo dalle insalatine, lavatele e mettetele a scolare, poi continuate con le zucchine, lavatele e tagliatele a fettine non troppo sottili, cercate di tagliarle un po’ in obliquo cosi da darle una forma un po’ allungata e non la solita “rondella” 😀 ne serviranno circa una ventina, scaldate per bene una piastra o una padella antiaderente e scottatele finche non diverranno dorate, riponetele in un contenitore e conditele con delle foglie di menta, un pizzico di sale, un filo di olio extra vergine e 2 goccie ma proprio 2 di aceto bianco. In una padella antiaderente ben calda scottate per pochi minuti i trancetti di pesce spada con un filo d’olio, 2 spicchi d’aglio e un trito di menta e origano fresco. Componiamo il piatto, fate dei bouquet con l’insalatina lollo, il trevisano e la rucola, e metteteli sul piatto, poi al centro posizionate a strati le zucchine e i trancetti di spada (tipo 2 zucchine, spada, 2 zucchine, spada… vedete voi insomma :)) condite con un filo dolio evo e il sughetto della padella, ricordatevi di condire anche i ciuffetti di insalata…tutto deve essere sempre condito dentro al piatto, come nella vita, no? :P.

 

Buon appetito.

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

Casa dolce casa…per ora quella bavarese, ma pur sempre dolce quando rientri a casa dopo una giornata di lavoro…sono seduto sul divano, a fianco Luca col suo pc, sembra un internet point quando rientriamo dal lavoro… un film e a letto…ma prima un dolcino mi sa che ci vuole; qualcosa di fresco che magari ha ancora un sapore invernale e poi con tutti gli avanzi di panettone che avrete in casa, quale dolce migliore per farne fuori un pò? sempre meglio di inzupparlo nel caffellatte 😛

Continua a leggere

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

Eh si eccoci qui…a Monaco per l’esattezza…sono partito dalla mia amata città circa 2 settimane fa, con tanta tristezza nel cuore ma tanto ottimismo e buoni propositi per la nuova esperienza; ad attendermi ho trovato un freddo glaciale (circa – 16°) che solo ora si sta placando.. Devo ringraziare davvero con tutto il cuore il mio amico Luca per avermi dato questa opportunità, un bel regalo prima o poi non glielo toglie nessuno… La citta è fantastica e il ristorante dove sto lavorando un gioiellino; mi sono ambientato talmente bene che mi sembra di essere qui da almeno un mese…vabbè devo ancora imparare il tedesco e stare più attento con la metro ma ogni tanto mi complimento con me stesso per gli ottimi risultati :P. Per ora mi sono goduto il carnevale, il “Pazza Monaco” del lunedì prima di martedì grasso, un delirio ;). Bene dopo i soliti aggiornamenti della mia salute psicofisica, vi abbraccio tutti e vi prometto presto nuove gustosissime ricettine;).

P.S. Vi lascio qualche foto 😉

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook

C’è un motivo per cui ho scelto questo piatto, a dire il vero ce n’è più di uno…Innanzitutto è un piatto che adoro, mi ricorda l’infanzia, mi piaceva gia da quando ero bambino, lo preparava mia nonna, lo preparava la mamma di mia nonna e chissà magari la mamma di mia bisnonna:D; mia nonna preparava la burrida il giorno prima e  la lasciava riposare più di 24 ore, solo così questo piatto può essere gustato al meglio, l’aceto e l’olio poi permettono che si mantenga anche per diversi giorni. Inoltre volevo preparare un piatto tipico della mia città, come per salutarla…già salutarla; sabato infatti  partirò per la Germania, lavorerò in un bel ristorantino a Monaco di Baviera; si parte nuovamente, di nuovo saluti e altri arrivederci, il pensiero di salutare gli amici di sempre, le persone e i luoghi che ami, le persone che credevi non avresti più salutato, le persone che anche se per poco o da poco entrano a far parte, in qualche modo, della tua vita mi rattrista; ma solo in questo modo potrò tornare col bagaglio di esperienze necessarie alla realizzazione dei miei progetti.

 

Continua a leggere

Condividi su...Share on Facebook0Condividi su Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneCondividi su Facebook